.
Annunci online

l tifosi, l'arbitro e i calciatori
post pubblicato in diario, il 21 febbraio 2009


Scrive Ferrara su Panorama:
"Se c’è un momento in cui Berlusconi può ottenere quello che non gli è mai riuscito di ottenere, una piena legittimazione politica come arbitro e garante di una nuova Repubblica, il momento è questo. Massimo del potere, massimo della disponibilità. Massimo di autonomia decisionale, massimo di interdipendenza e di legame con ogni giuntura del meccanismo istituzionale".

Insomma sta parlando della presidenza della repubblica.

Ferrara parla di questo momento come di un'occasione d'oro in cui Berlusconi ha l'occasione di assumere tutti i ruoli politici: esecutivo (autonomia decisionale), arbitro e garante (la presidenza appunto), con l'aggiunta di un massimo di disponibilta' che poi significherebbe massimo di "legame con ogni giuntura del meccanismo istituzionale" (il parlamento, e la magistratura almeno cosi' mi pare di capire). Un legame stretto non lascia molta liberta' alle giunture se non di muoversi come vuole il portatore unico di autonomia decisionale. Infatti egli si dovra' fare carico anche - bonta' sua - del ruolo dell'opposizione. Insomma Berlusconi deve fare l'arbitro e i calciatori. A noi ci rimane solo la possibilita' di fare il tifo (per questo bel progetto naturalmente).

Questa a casa mia si chiama dittatura. Ferrara si rende conto che in questo momento si puo' fare e dire veramente tutto in questo paese, e non bisogna lasciarselo sfuggire. Beata la sincerita'.
Nessuno e' autorizzato in a dire che questi non avevano parlano chiaro!

 

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. berlusconi

permalink | inviato da Janez il 21/2/2009 alle 22:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Berlusconi e la logica aristotelica - capitolo II
post pubblicato in diario, il 1 dicembre 2008


I sillogismi del Berlusca sono proprio fantastici ragazzi!! Sentite qua:

"La sinistra aveva dato un privilegio alle televisioni con gli abbonamenti, la sinistra aveva buoni rapporti con Sky ... questo dimostra che la sinistra si è inventata il conflitto di interessi, oltretutto Mediaset non è concorrente di Sky che va sul satellite e ha altre regole".

Ma se ammette di aver tolto un privilegio a Sky come xxxxxx puo' dire che non e' vero che ha fatto un favore a Mediaset? Misteri della logica berlusconiana dove tutto e' possibile!!

C'e' solo un modo, ed e' dire che Mediaset in realta' non e' concorrente di Sky, come fa subito dopo argomentandolo con il fatto che quest'ultima va sul satellite. Sarebbe come dire che l'aereo non e' concorrente del treno perche' vola...

Ammiro la sua capacita' di rimanere serio mentre dice 'ste robe. Ma ormai e' risaputa. Chi gli sta intorno, i giornalisti piuttosto non hanno proprio mai niente da dire?




permalink | inviato da Janez il 1/12/2008 alle 1:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Il Berlusca e la logica aristotelica
post pubblicato in diario, il 22 ottobre 2008


    "Manifestare è una possibilità della democrazia ed anche noi ne usufruimmo. Noi, però, manifestammo contro la pressione fiscale del governo Prodi. La manifestazione del 25 ottobre è solo contro il governo e non ha proposte. La piazza non è il posto migliore per fare proposte. Le proposte si fanno in Parlamento" (Silvio Berlusconi).

Dico, ma sono rincretinito io o il Berlusca ormai ha introdotto una nuova logica, altro che politichese! Allora, sentite il sillogismo sopraffino:

1) Manifestare cntro il governo in teoria si puo' [e meno male], e pure noi manifestammo, PERO':
2) non si puo' manifestare contro tutti i governi e tutte le politiche della maggioranza, ma solo [a quanto pare] contro quelle "ingiuste", e cioe'... quelle del centrosinistra. Ne consegue QUINDI che:
3) manifesare contro il governo senza validi e giustificati motivi (decisi dal capo del governo) non e' legittimo. A meno che, diciamo (siamo buoni, va'), non si protesti solo ma si facciano anche proposte (valide). TUTTAVIA:
4) poiche' la piazza non e' MAI un lugo per fare valide proposte, dato che SOLO il parlamento (e quindi la sua maggioranza) e' il luogo deputato a fare politica, NE CONSEGUE che la piazza e' sempre illegittima, almeno quando manifestano gli altri...

    Qui il Berlusca fa a pezzi non solo la democrazia ma anche la logica (due cose collegate fra loro). Ma insomma si piu' manifestare oppure no? Il fatto e' che la piazza e' per definizione un luogo alternativo - usato in genere dall'opposizione (essendo minoranza in parlamento) - per manifestare idee politiche o la critica a proposte politiche. Perche' poi sia un atto illegittimo solo quando la occupano gli altri rimane poi un mistero, secondo il suo stesso ragionamento.
Il Berlusca ci e' o ci fa?  A voi decidere....

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. BERLUSCONI LOGICA

permalink | inviato da Janez il 22/10/2008 alle 20:2 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa
Sfoglia dicembre       
rubriche
links
tag cloud
cerca
calendario
adv